Ultimi Lavoti Realizzati

Ultimi lavori

Alberghiroma.com

Lavoro: Web marketing

Curato il web marketing del sito web specializzato nella prenotazione di strutture ricettive a Roma

Url: Alberghiroma.com

Dronionline.net

Lavoro: Web marketing

Curato il web marketing del sito web specializzato nella vendita di droni online.

Url: Dronionline.net

Tradingopzionibianrie.com

Lavoro: Social marketing

Curato il social marketing del sito web specializzato nel trading online di opzioni binarie.

Url: Tradingopzionibinarie.com

Tradingbinario.biz

Lavoro: Social marketing

Curato il social marketing del sito web specializzato nel trading binario.

Url: Tradingbinario.biz

Continue Reading

I 3 buoni motivi per acquistare un dominio

I 3 buoni motivi per acquistare un dominio

Oggi vogliamo analizzare i 3 buoni motivi per acquistare un dominio, che spesso sottovalutate e avrete sicuramente sottovalutato in passato.

Ecco un elenco dei 3 buoni motivi:

– Il vantaggio di avere un dominio corrispondente al tuo nome e cognome;
– Il vantaggio di avere un’email con il nome del dominio.
– Il vantaggio di avere uno spazio web privato (o pubblico).

Analizziamo nello specifico tutti questi vantaggi sopra elencati.

Avere un dominio corrispondente al tuo nome e cognome

Il fatto di acquistare un dominio che corrisponda al tuo nome e cognome, non è cosa da poco, perché è molto importante far valere la propria identifica anche nel mondo del web. Anche perché un tuo omonimo, per esempio, potrebbe acquistarlo al posto tuo, per cui il nostro consiglio è acquistare un dominio ed in seguito, se si ha voglia e tempo, acquistare un hosting e creare un sito web completo.

Avere un’email con il nome del dominio

Una volta che avrete comprato un dominio, potrete finalmente avere la vostra email personale, con nome e cognome, un indice di estrema professionalità.

Al giorno d’oggi il personal branding è un fattore importantissimo, per cui, un indirizzo email personale sicuramente non guasta.

Ciò non vuol dire però, che avrai un secondo indirizzo di posta elettronica, bensì avrai un indirizzo che potrai collegare direttamente alla tua email principale, quella che già possedevi prima di averne una personale (come quella di Google, outlook, icloud, libero, virgilio ecc..).

Avere uno spazio web privato (o pubblico)

Come abbiamo appena detto, è importante acquistare un dominio, ma se si hanno già le idee chiare riguardo la strutturazione di un sito web, conviene acquistare anche un hosting, ovvero lo spazio web.
Una volta acquistato potrete pensare all’installazione di wordpress e procedere con la creazione del vostro sito web.

Detto ciò, non vi resta che procedere con l’acquisto di un domino!

Continue Reading

L’importanza di un hosting affidabile

hosting

Nel momento in cui compriamo un dominio, ci troviamo quasi subito davanti una delle scelte più difficili da compiere.

E adesso dov’è che acquisto l’hosting per il mio sito web?

E’ una domanda ricorrente oramai e al giorno d’oggi sono tantissimi i siti che mettono a prezzi iper economici il servizio hosting da utilizzare per il proprio website.
Pensate che si trovano spazi web (che chiamiamo hosting) a partire da una ventina di euro all’anno per arrivare a oltrepassare i 200 euro.
Certo, ci sono anche le vie di mezzo, che sono proprio quelle che intendiamo consigliarvi.

Ovviamente, dovete anche pensare che se intendete acquistare un servizio hosting a poco prezzo (come 20 euro all’anno), non potete aspettarvi di trovarvi di fronte una piattaforma completa che sappia soddisfare a pieno tutte le vostre esigenze.
Infatti vi sconsigliamo vivamente degli spazi Web che, pur essendo a basso costo, risultano molto lenti e poco affidabili.
E soprattutto, è estremamente importante che il servizio d’assistenza fornito dall’hosting sia:

– In lingua italiana;
– Disponibile 24 ore su 24;
– Con live chat, email e numero di telefono;
– Veloce nel risolvere tutti i vostri problemi.

Se il vostro sito Web è veramente importante per voi, non potete pensare di rivolgervi ad un hosting con pochi feedback pur di pagarlo meno, piuttosto, continuate la vostra ricerca e cercate di servirvi di un servizio che riesca a rispecchiare per lo meno i 3 canoni che abbiamo analizzato qui di seguito.

E’ veramente molto importante che un servizio di hosting sia per lo meno:

– Veloce nel caricamento;
– Efficace nelle prestazioni;
– Fornito di una pronta assistenza h24
(in lingua italiana possibilmente).

D’altro canto, ci sentiamo di dirvi che se il vostro sito non incorpora grosse funzioni, ed è costituito solamente da poche pagine descrittive e/o figurative, potete anche risparmiare sull’hosting, ma… non troppo!

Per un’azienda, ad esempio, sconsigliamo hosting economici!

Continue Reading

Cos’è una campagna Facebook?

Campagna Facebook

Al giorno d’oggi qualsiasi agenzia web da l’opportunità di pubblicizzare e promuovere anche su Facebook (il social network più utilizzato al mondo), la propria propria attività, che sia un’azienda, un’impresa, una società ecc.
Da l’opportunità di inserire pubblicità ed inserzioni, un po’ come i risultati sponsorizzati che compaiono su google. Questi ultimi nascono da google Adwords, la piattaforma pubblicitaria di google che consente un posizionamento all’interno dei motori di ricerca (in questo caso Google) non organico.
Ecco, possiamo dire che le inserzioni di Facebook, funzionano esattamente allo stesso identico modo, per cui,

si stabilisce un budget di fondo a disposizione e finché non si esaurisce, la nostra attività sarò promossa.

Nel momento in cui si esaurisce, noi scompariamo del tutto dalle inserzioni.
Ci sono metodologie differenti per inserire il nostro post tra quelli in evidenza, di seguito, ve ne elenchiamo alcune.

Il più facile :
Mettere in evidenza un post e far creare automaticamente a Facebook un annuncio pubblicitario, che però non è molto personalizzabile.

Il medio :
Aprire il pannello di Facebook cliccando sullo strumento di gestione inserzioni e creare una campagna direttamente da lì.

Il più complesso :
Aprire lo strumento power editor (mezzo avanzato di gestione inserzioni) e creare una campagna su misura per la nostra attività, completamente personalizzabile.

Proponiamo un elenco degli step fondamentali da compiere, affinché la nostra futura campagna Facebook abbia successo.

1) Nel momento in cui clicchiamo su “Crea una campagna”, Facebook ci chiede chiaramente qual è il nostro obiettivo, per cui dobbiamo aver bene le idee chiare riguardo ciò che vogliamo come: indirizzare gli utenti sul nostro sito web, promuovere la pagina, ottenere visualizzazioni sui video, mettere in evidenza i nostri post ecc …

2) Decidere il target, ovvero il pubblico a cui sono dirette le nostre inserzioni. Facebook da l’opportunità di selezionare range di età, sesso, luoghi, interessi, connessioni in modo tale da ottenere un pubblico su misura.

3)Come abbiamo già detto in in precedenza, dobbiamo impostare un budget giornaliero, mensile o annuale che intendiamo investire affinché la nostra inserzione abbia una buona riuscita.

4)Il quarto ed ultimo passo che ci resta da fare è creare l’inserzione.

Continue Reading

Si può gaudagnare online giocando?

Quando sono entrato nel mondo del poker per la prima volta, il gioco online era ancora relativamente nuovo. I giocatori veterani che ho incontrato hanno riso quando ho detto che non avevo mai giocato ed era la mia prima mano online.

Ho speso centinaia di ore a giocare a poker online e da allora mi sono sentito abbastanza sicuro di me tanto da andare in un casinò dal vivo e sedermi al tavolo gli altri, completamente vulnerabile ai loro sguardi intimidatori di esseri umani.

Anche se ho trovato intrigante il poker dal vivo, niente a che vedere con la comodità di giocare online.
Ora, ricordando quei primi mesi a giocare on-line, e mi rendo conto che quelle ore sono stati ben utilizzate. Non è un segreto che in questi giorni la nuova generazione di giocatori di poker nascono e crescono in Internet, a volte senza mai andare in una sala da gioco dal vivo.

Il professionista moderno ha un curriculum impressionante di poker online, e per una buona ragione:
– per la velocità con cui le mani sono consegnate e completate, e combinate con i “multi-tavolo”.
Ci sono una varietà di tipi di scommesse, tra i giochi in denaro con micro-limiti (a volte per non più di 1 o 2 centesimi) e piccoli tornei ideali per i principianti del poker.

Quindi, come fare soldi giocando online?

Buona domanda. Crea il tuo account e siediti a un tavolo, comincia a comprendere le basi del poker e un po’ di strategia che ti aiuterà, ma ci sono alcuni suggerimenti che posso offrirti per fare soldi giocando a poker online:

1) Trovare un gioco in cui si può vincere

So che molti professionisti on-line, partecipano a diversi giochi, e ognuno ha trovato uno o più tipi di poker che gli fanno vincere la maggior parte dei soldi. Alcuni giocatori si concentrano sul cash game su più tavoli, mentre altri giocano sit-n-go per ore. Ci sono molti professionisti che hanno scoperto che i tornei sono il modo migliore per ottenere denaro, e negli ultimi anni molti hanno preso questa strada. Non importa quale sia la tua specialità, qualsiasi professionista serio sa dove si deve concentrare. Trovare il tuo gioco ci vorrà tempo e sperimentazione, ma se si mantengono buone statistiche di vincita nelle vostre sessioni, alla fine diventerà chiaro dove è la vostra forza.

2) Sfrutta gli Strumenti

Abbiamo già discusso su alcuni dei vantaggi di giocare on-line invece di andare fisicamente a un casinò locale, ma ci sono molti più vantaggi da considerare, come:

“l’uso efficace degli strumenti on-line vi darà più soldi”.

Negli ultimi anni è diventato usuale utilizzare un software per giocare on-line. Programmi come PokerTracker raccoglierà per voi statistiche su ogni mano raccogliendo dati, e consentendo di analizzare correttamente i tuoi avversari e il loro gioco. Se stai cercando di fare soldi online, questo tipo di software è un ottimo investimento. Se utilizzato correttamente e in modo efficiente, è possibile prendere decisioni rapide ed efficaci. Questi programmi aiutano anche a tenere traccia delle vostre giocate, migliorando il vostro gioco e facendovi scoprire quali giochi sono quelli più redditizio per voi. In altre parole, questo tipo di software è essenziale per guadagnare soldi online.

3) Evitare le distrazioni

Il poker online può farti diventare pigro. Ci si può sedere in pigiama nel comfort della vostra casa senza pensare al vostro aspetto, che può essere un qualcosa di positivo, ma può portare facilmente alla negligenza. Il poker online richiede disciplina e messa a fuoco, e non è sempre facile con le distrazioni che sicuramente avrete in casa intorno a voi.

Ognuno ha un diverso livello di tolleranza per le distrazioni, anche se è generalmente una cattiva idea guardare la televisione o leggere durante il gioco online, molti giocatori seri navigano occasionalmente in Internet e molti ascoltano la musica. Dopo aver giocato on-line per molti anni, io personalmente so che tutto ciò che devia la mia attenzione influenza il mio gioco (e quindi i miei guadagni).

Conclusioni

Questi sono suggerimenti che dovrebbero essere utilizzati in combinazione con una solida base delle regole e strategie del poker. Ricordate che non vi è alcun sostituto all’esperienza, e se si sta cercando di ottenere un guadagno giocando online.
Se si vuole guadagnare giocando online, si deve iniziare con piccole puntate, al fine di acquisire esperienza.

Continue Reading

Pubblicità su Google: Cos’è Google Adwords

Google AdWords

Google Adwords è una piattaforma di Google che fondamentalmente si occupa di pubblicizzare i propri servizi su internet.

Il sistema prevede una campagna PPC (Pay per Clic), ovvero, una volta aver selezionato le keywords riguardanti la propria attività, il motore di ricerca Google, ogni qual volta effettuerà una ricerca scrivendo le “nostre Keyword“, farà in modo di far comparire il link che abbiamo pubblicizzato tra i primi suggerimenti.

Nel momento in cui l’utente clicca, sarà indicizzato sul nostro website, mentre Google storna dal budget l’importo stabilito inizialmente come costo per clic.­ Tutto ciò avverrà ogni volta che qualcuno cliccherà sull’annuncio che abbiamo pubblicizzato, fino a quando il budget sarà esaurito.

Il beneficio di intraprendere una campagna Adwords è quello di ottenere un posizionamento, all’interno del motore di ricerca più utilizzato al mondo, in tempi rapidi.

Ovviamente, bisogna aver un decoroso budget da investire per affrontare una campagna pubblicitaria di questo tipo, perché fondamentalmente in base sul “quanto si è disposti a pagare” pur di ottenere una dignitosa posizione all’interno di Google.

Detto così, sembra molto facile impostare una campagna pubblicitaria di questo tipo, m non è affatto così, certo può essere molto vantaggiosa in alcune circostanze, ma non sempre è così. Perché è una campagna “a tempo determinato” per cui, una volta che il budget si esaurisce, bisognerebbe affidarsi di nuovo al posizionamento organico per cui il tutto prescinderà dalla qualità del vostro sito.

E’ fondamentale un’analisi SEO continua dell’attività che intendiamo promuovere per evitare di spendere denaro inutilmente senza ricevere i risultati desiderati.

Per cui, la supervisione di un esperto di SEO (Search Engine Optimization) che fa leva sulle peculiarità del vostro sito web, collegato al contempo dai metodi SEM (Search Engine Marketing), aiuterà la vostra attività a salire tra le prime posizioni.

Continue Reading

Nel 2017 Google userà i droni per le consegne

Nel 2017 Google userà i droni per le consegne

La guerra nei cieli tra Amazon e Google è già cominciata!

Anche Google, come Amazon ha annunciato che dal 2017, effettuerà le consegne dei pacchi dei suoi clienti, sulle ali di un drone: è una notizia ufficiale comunicata da David Vos, responsabile del Project Wing, un progetto in piedi da circa due anni nei laboratori di Google X. Grazie alle leggi meno restrittive riguardo all’uso di velivoli gestiti da remoto, l’Australia ha l’onore di ospitare i numerosi test di volo.

Lo scopo di Google è quello di effettuare consegne di beni, come previsto da Amazon, con l’aggiunta di scopi più nobili.

Infatti, Project Wing si candida a presenziare nelle situazioni di soccorso dovute a calamità naturali, con l’obiettivo di consegnare rifornimenti nelle zone coinvolte: questo perché con soli pochi droni professionali si può essere in grado di rifornire in continuazione un vasto numero di persone in condizioni d’emergenza. Queste sono le parole di Astro Teller di Google X alla BBC.

Questo progetto impegna decine di persone, con la previsione di espansione del team nei successivi anni.

Ma che tipo di aeromobile è previsto per questo progetto?

È stato pensato a un ibrido fra un aereo e un elicottero, capace di planare, decollare e atterrare in condizioni difficili e impervie, senza una pista effettiva.

Caratterizzato da 4 eliche a trazione elettrica con un’apertura alare di circa un metro e pesa poco più di 8 chilogrammi. i motori possono gestire un peso complessivo di circa 10kg, pertanto il peso degli oggetti consegnabili risulta attualmente molto limitato.

Sono previsti a bordo una serie di sensori che gestiranno il volo, per l’andamento e l’equilibrio del drone, che comprende GPS, fotocamere e sensori radio. Un sistema di misura inerziale costituito da accelerometri e giroscopi determinerà, infine, la posizione del velivolo nello spazio.
La caratteristica principale del drone di Google è che non dovrà consegnare gli oggetti, né li farà cadere dall’alto, evitando così possibili pericoli per chi si trova nei paraggi.

E nel caso in cui l’oggetto rimanga bloccato, Google ha progettato un sistema guidato in parte dai computer e dalle persone da remoto, che lo farà atterrare per mezzo di una lenza, adagiandolo delicatamente al suolo.

Gli ostacoli burocratici, oltre che tecnici, sono il vero ostacolo di Project Wing, perché in molti stati ci sono normative che regolano e limitano il volo ai velivoli guidati da remoto.

Il progetto è capitanato da Astro Teller e Nick Roy del MIT.

Continue Reading

Web Marketing: Informativa e consenso della Privacy step 2

Web marketing

Informativa e consenso della Privacy nell’Email Marketing

È vietato inviare mail per pubblicizzare un prodotto o un servizio senza aver prima ottenuto il permesso del destinatario, e senza lo stesso permesso non si può nemmeno chiedere il consenso per successive e ulteriori spedizioni, per e-mail, di comunicazioni d’impresa.
Il fatto che, l’indirizzo di posta elettronica, sia di facile reperibilità in internet o usufruendo di atti pubblici, non autorizza nessuno ad usarlo in maniera impersonale o indiscriminata.

Bisogna ottenere il consenso del diretto interessato, prima di utilizzare i suoi dati con lo scopo di fare email marketing.

Purtroppo è sempre più d’uso comune recuperare indirizzi di posta elettronica da biglietti da visita o pagine web, con lo scopo d’inviare mail a scopo pubblicitario, ma è una pratica che potrebbe determinare responsabilità civile per spamming, o addirittura, penali per trattamento illegale di tati personali altrui.

Informativa e consenso della Privacy nel Telemarketing

Per svolgere attività di Telemarketing, bisogna ottenere il consenso espresso e distinto, dall’interessato, per usare i suoi dati sensibili per la profilazione, ovvero una sorta di archivio-elenco dei dati personali, consuetudini e scelte consumistiche.

Un registro, detto delle Opposizioni, è stato creato per limitare l’uso e abuso dei dati personali di Telemarketing sommario. Per iscriversi basta compilare il format tramite il sito ufficiale; inviando il modulo per mail (abbonati.rpo@fub.it); via fax (06.542.24.822); telefonando al numero 800.265.265; o inviando per raccomandata il modulo precompilato a Gestore del Registro Pubblico delle Opposizioni – Abbonati – Ufficio Roma Fomentano – Casella Postale 7211 – 00162 ROMA.

Informativa e consenso della Privacy nel Marketing postale

Il marketing postale non si può attuare nei confronti di chi abbia richiesto l’iscrizione del proprio indirizzo nel registro pubblico delle opposizioni.

In pochi termini bisogna avere il permesso preventivo e solo successivamente inviare il materiale pubblicitario all’interessato. Ogni volta che s’invia materiale, è necessario rendere noto al destinatario del suo diritto d’opporsi all’invio.

Immagini e fotografie

Anche nel riprodurre l’immagine o il ritratto di un soggetto bisogna richiedere cautelarmente il permesso scritto.

Soltanto se l’immagine rappresenta una persona legata ad un evento di pubblico interesse, la sua diffusione non richiede permessi e autorizzazioni varie.

È vietato, invece, divulgare in qualunque modo immagini che identifichino un minore anche se coinvolto in procedimenti giudiziari in materie diverse da quelle penali.

Violazioni e sanzioni

Chi ritiene che sia stata violata la propria privacy deve presentare protesta alla parte in causa, una volta avuta risposta, può presentare istanza al Garante della Privacy.

Risarcimento danni

Chi arreca danni a terzi per aver usato i dati personali di una persona è tenuto al risarcimento ai sensi dell’articolo 2050 del codice civile, danno questo interesse di rimborso anche per violazione delle norme sul trattamento dei dati, sulla modo di raccoglierli e registrarli, con utilizzo diverso dallo obiettivo per cui sono stati ottenuti inizialmente.

Continue Reading

Riconoscere un Professionista

Professionista

Anche nella fisioterapia come in tanti altri settori non è facile riconoscere un professionista!

Come può un paziente riconoscere un fisioterapista professionale e competente da un fisioterapista superficiale o addirittura un finto professionista? In Italia sono solo 50 mila i fisioterapisti abilitati a dispetto di 100 mila abusivi.

Inoltre un fisioterapista laureato non sempre è sinonimo di competenza e specializzazione poiché il percorso post laurea non è un percorso codificato come accade per esempio con i medici.

I corsi di specializzazione sono numerosi e non sempre realmente validi. E ci sono addirittura fisioterapisti che non si specializzano affatto

Quindi non tutti i fisioterapisti sono uguali. Un fisioterapista può essere bravo nel trattamento di determinate patologie ma essere carente sotto altre.

Quindi quando un paziente deve sottoporsi a sedute di fisioterapia, dovrebbe valutare almeno un paio di aspetti:

– la formazione del fisioterapista, ovvero quali corsi di specializzazione ha frequentato

– la sua esperienza lavorativa: infatti un paziente con mal di schiena non dovrebbe rivolgersi ad un fisioterapista che lavora prevalentemente in ambito neurologico, un bambino con la scoliosi è bene che sia seguito da specialisti nella prevenzione dei disturbi posturali piuttosto che da un terapista che lavora prevalentemente in ambito geriatrico.

Un paziente con mal di schiena dovrebbe rivolgersi ad un fisioterapista che tratti quotidianamente disturbi della colonna, che sia quindi specializzato in questa materia: rieducazione posturale globale, osteopatia, terapia manuale, massoterapia.

Ecco alcuni consigli utili per capire se il tuo fisioterapista è competente e professionale:

1) Un fisioterapista serio e preparato non mette mai le mani sul paziente senza aver prima effettuato una valutazione, a prescindere da una eventuale prescrizione medica.

Senza una valutazione, il fisioterapista non sa cosa deve fare!

2) La responsabilità del trattamento è del fisioterapista, di conseguenza è lui che sceglie il piano di trattamento più indicato! Se il fisioterapista non è d’accordo su eventuali indicazioni fornite dal medico, se le ritiene non idonee su un certo paziente o addirittura controindicate, deve rifiutarsi di eseguire alcune prestazioni. Il programma terapeutico varia da terapista a terapista, in base alle tecniche che utilizza, e deve condividerlo con il paziente: il paziente deve sapere ciò che farà!

3) Il fisioterapista periodicamente deve verificare l’andamento del trattamento
, per valutare eventuali modifiche.

4) Un fisioterapista preparato non avrà problemi a rispondere a domande e a confrontarsi con il paziente o con i medici che lo stanno seguendo!

In caso contrario, c’è qualcosa che non va!

Un bravo fisioterapista non considera il paziente un oggetto che subisce passivamente il suo lavoro, ma lo mette al centro del percorso riabilitativo rendendolo consapevole della propria patologia, dei trattamenti a cui verrà sottoposto e dei miglioramenti.

Inoltre educa il paziente stesso per prevenire eventuali ricadute nel tempo.

Facciamo un esempio pratico, il centro fisioterapia a Roma Fisiosport mettono a disposizione dei propri pazienti solamente fisioterapisti professionali, in continuo aggiornamento su metodiche manuali e terapie fisiche di ultima generazione.

Continue Reading

Informativa e consenso della Privacy nel Marketing

Web marketing

Ogni azienda è obbligata a tutelare i dati personali dei propri dipendenti, fornendo agli interessati l’informativa sulla privacy nel marketing e nel web marketing, in cui si evidenziano:

– fini e modalità cui sono destinati i dati;
– vincoli dell’interessato nel fornire o meno i dati;
– effetti cui va incontro l’interessato in caso di rinuncia;
– nominativo delle persone, enti o società a cui possono essere forniti i dati;
– diritti riconosciuti all’interessato;
– nominativo del titolare e del responsabile del trattamento dei dati e relativi contatti.

Normativa e sanzioni della Privacy nel Marketing

È fondamentale dare un’informativa specifica quando il trattamento ha forme inusuali di utilizzazione di dati rispetto alle ordinarie esigenze amministrative e contabili.

L’informativa deve essere consegnata sempre, anche quando non è necessario ottenere il consenso dell’interessato. Il linguaggio dell’informativa deve essere chiaro, semplice e senza reiterazioni.

Quando non serve l’informativa?

Il decreto sviluppo 2011 ha previsto la possibilità di omettere l’informativa all’interessato quando si tratta di curriculum spontaneamente trasmessi dall’interessato (in tal caso l’informativa dovrà essere fornita al candidato al momento del primo contatto successivo all’invio del curriculum) e nei trattamenti dei dati relativi alle persone giuridiche, imprese, enti o associazioni effettuati per finalità amministrativo-contabili.

Consenso

Solo il diretto interessato può donare la libera manifestazione con cui autorizza chiaramente un trattamento dei propri dati personali, di cui è stato anticipatamente informato dal titolare del trattamento, ma se si tratta di un obbligo normativo, non è necessario.

Per raccogliere il consenso dell’interessato basta che ci sia una documentazione scritta o una nota appuntata su un registro dal titolare dei dati personali.

Quando il trattamento riguarda dati sensibili, solo il diretto interessato può dare il consenso sottoscrivendolo.

Non è necessario invece avere il consenso scritto direttamente dall’interessato quando:

– i dati derivano da registri ed elenchi pubblici;
– i dati si riferiscono allo svolgimento d’imprese economiche da parte dell’interessato;
– il trattamento serve per dare esecuzione a un obbligo legale;
– è necessario per la salvaguardia o l’incolumità fisica di terzi;
– è indispensabile a scopi investigativi difensivi;
– i dati personali riguardano quelli dei curriculum ricevuti spontaneamente con lo scopo d’instaurare un rapporto di lavoro;
– i dati personali relativi alle persone, aziende o enti sono usati per finalità amministrativo-contabili;
– vengono trattati nelle fasi di conclusione o inizio di un contratto;
– i dati sono utilizzarti infra-gruppo tra aziende, imprese, enti o associazioni con società assoggettate a comune controllo, così come anche reti d’imprese.

Continue Reading